Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Biden avverte Israele: 'Per Rafah serve piano per evacuare'

Biden avverte Israele: 'Per Rafah serve piano per evacuare'

Telefonata con Netanyahu che insiste: 'Se non agiamo lì perdiamo'

TEL AVIV, 12 febbraio 2024, 09:42

Redazione ANSA

ANSACheck

Il presidente americano Joe Biden (a destra) e il premier israeliano Benjamin Netanyahu © ANSA/AFP

Il presidente americano Joe Biden (a destra) e il premier israeliano Benjamin Netanyahu © ANSA/AFP
Il presidente americano Joe Biden (a destra) e il premier israeliano Benjamin Netanyahu © ANSA/AFP

Prima dell'operazione a Rafah, Israele deve "garantire la sicurezza" della popolazione civile con "un piano credibile di evacuazione". Nella prima e unica telefonata da tre settimane, il presidente Joe Biden è tornato a ribadire al premier Benjamin Netanyahu la linea rossa degli Usa in vista dell'imminente operazione di terra nell'ultima città della Striscia presidiata da 4 battaglioni di Hamas. E a mettere l'accento sulla necessità, invece, di "capitalizzare i progressi fatti nelle trattative per assicurare il rilascio di tutti gli ostaggi il prima possibile". La cornice d'insieme, hanno tuttavia concordato i due leader, è il "comune obiettivo di vedere Hamas sconfitta e di assicurare la sicurezza di lungo termine di Israele e della sua popolazione", senza per questo dimenticare di incrementare gli aiuti ai civili della Striscia.

    Gli Usa restano quindi contrari ad un'eventuale azione militare di Israele in un'area occupata da centinaia di migliaia di sfollati palestinesi. La telefonata è apparsa come un tentativo di appianare le vistose differenze di vedute. Ma, secondo il Washington Post, il capo della Casa Bianca e i suoi consiglieri "sono più vicini" che mai "a una rottura con Netanyahu, non considerato più un partner produttivo che può essere influenzato anche in privato". Una frustrazione che, secondo la stessa fonte, "ha spinto alcuni dei consiglieri di Biden a fare pressione sul presidente affinché sia più critico in pubblico riguardo al premier israeliano per la sua operazione militare a Gaza".

Bibi e la leadership a Gerusalemme non sembrano però intenzionati a ripensarci. "Coloro che dicono che in nessun caso dovremmo entrare a Rafah - ha spiegato Netanyahu in una delle varie interviste rilasciate ai network Usa - ci stanno sostanzialmente dicendo di perdere la guerra. Tenete Hamas lì. Prenderemo i restanti battaglioni terroristici di Hamas a Rafah, che è l'ultimo bastione. La vittoria totale è vicina". Poi ha insistito: si può avere la distruzione di Hamas e il rilascio degli ostaggi, "non si escludono a vicenda". Anche il ministro della difesa Yoav Gallant è stato chiaro: "l'approfondimento delle operazioni a Gaza ci porta più vicini ad un accordo realistico per il ritorno degli ostaggi".

    A premere su Israele e Hamas è anche il Cairo, preoccupato che le truppe israeliane arrivino a Rafah ad un passo dal suo confine. Secondo quanto riporta il Wall Street Journal, i mediatori egiziani hanno avvisato la fazione islamica che se non raggiungerà un accordo con Israele entro due settimane, l'esercito israeliano avvierà l'operazione di terra a Rafah.

    Hamas  ha avvertito d'altro canto che l'intervento "farà saltare i colloqui per lo scambio degli ostaggi". Il Cairo, che ha terminato la costruzione di un nuovo muro di cemento lungo circa 14 chilometri alla frontiera con Gaza, ha ammonito Israele sulle conseguenze dell'operazione a Rafah. Ed ha ribadito che questa potrebbe mettere a rischio il Trattato di pace del 1979 con Israele.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza