Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Edilizia, commercialisti: 'sì alla proroga della precompilata'

Edilizia, commercialisti: 'sì alla proroga della precompilata'

Richiesta a Agenzia delle Entrate su interventi riqualificazione

ROMA, 19 febbraio 2024, 16:09

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Consiglio nazionale dei commercialisti, attraverso il tesoriere e delegato all'area fiscalità Salvatore Regalbuto, ha presentato istanze relative agli adempimenti connessi alla trasmissione dei dati per la dichiarazione precompilata.
    Lo si legge in un'informativa agli Ordini territoriali della categoria firmata dal presidente nazionale Elbano de Nuccio.
    In particolare, recita la nota, i professionisti invocano "un'adeguata proroga del termine per la trasmissione all'Agenzia delle Entrate dei dati relativi alle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni di edifici residenziali ai fini della elaborazione della dichiarazione precompilata considerate le tempistiche con cui è stato messo a disposizione il software di compilazione", nonché lo stop all'obbligo di indicare i dati relativi alle spese oggetto di sconto in fattura, o cessione del credito.
    ll Consiglio nazionale, si specifica, "ha anche formalizzato una proposta emendativa finalizzata ad una sensibile riduzione del regime sanzionatorio per le violazioni relative alla comunicazione dei dati ai fini della dichiarazione precompilata: attualmente, infatti, in caso di omessa, tardiva, o errata trasmissione dei dati relativi alle spese sanitarie, ovvero delle altre spese che danno diritto a deduzioni dal reddito o detrazioni dall'imposta, la sanzione applicabile è pari a 100 euro per ogni comunicazione, con un massimo di 50.000 euro. Se la comunicazione è correttamente trasmessa entro 60 giorni dalla scadenza prevista, la sanzione è ridotta a un terzo con un massimo di 20.000 euro", si legge.
    "Si tratta - scrivono i commercialisti - di un regime sproporzionato che occorre mitigare al fine di garantire proprio il rispetto del principio di proporzionalità delle sanzioni per violazioni che non sono certamente da ascrivere a comportamenti di tipo elusivo o evasivo da parte dei soggetti obbligati", termina la nota.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza