Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'arte sfocata dei Miaz Brothers, tra realtà e immaginazione

L'arte sfocata dei Miaz Brothers, tra realtà e immaginazione

Alla Galleria d'Arte Moderna il confronto con i grandi maestri

ROMA, 23 febbraio 2024, 13:10

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

'Reality: Optional. Miaz Brothers con i maestri del XX secolo' è il titolo della mostra che la Galleria d'Arte Moderna di Roma ospita dal 24 febbraio al 26 maggio. L'esposizione, la prima del percorso di celebrazioni per il centenario dell'istituzione, nasce dal confronto tra i Miaz Brothers, i fratelli Roberto e Renato, da anni impegnati sul tema della percezione e sulla relazione tra realtà e immaginazione, e alcuni capolavori presenti nella collezione della Galleria d'Arte Moderna, da Balla a Guttuso, da Morandi a Sironi. La mostra concettuale, curata da Claudio Crescentini e Wunderkammern, riunisce 60 opere, frutto della sperimentazione ritrattistica dei due artisti, in cui lo spettatore diventa elemento attivo all'interno di un gioco di rimandi, incentrati sui meccanismi di percezione o meno della realtà. Accanto a una selezione di capolavori della collezione permanente, scelti in accordo con il curatore del museo, i due artisti espongono alcune loro personalissime versioni dei dipinti individuati, insieme ad altre opere inedite in cui i soggetti originari sono riprodotti completamente fuori fuoco. In un mondo in cui la tecnologia insegue l'alta definizione delle immagini e stimola visioni preconfezionate, i Miaz Brothers danno vita a soggetti enigmatici, mai del tutto definibili, con lo scopo di creare un rapporto di continuità estetica e comunicativa tra il loro segno contemporaneo e lo stile delle opere originarie. E' lo spettatore a dover tentare di dare una definizione completa delle immagini attraverso la propria memoria e immaginazione, il cui elemento essenziale è il tema, oggi molto dibattuto, della 'post-verità'; si tratta di notizie che, seppur false, vengono credute vere da un numero significativo di persone chiamate a valutarle sulla base delle proprie emozioni e pregiudizi, senza dare credito a fatti e dati oggettivi.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza