Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Caso Pifferi: sciopero avvocati, al confronto anche alcuni pm

Caso Pifferi: sciopero avvocati, al confronto anche alcuni pm

Procuratore Viola scrive a Camera Penale, 'lavoriamo assieme'

MILANO, 04 marzo 2024, 11:25

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Nessuno è padrone esclusivo del processo e delle sue regole, il processo è di tutti e le barricate non servono a niente, siamo tutti parte di un meccanismo che se non funziona fa un danno enorme: il processo deve essere giusto". Così i rappresentanti della Camera penale di Milano hanno presentato il momento di confronto che è in corso, nella maxi aula d'Assise d'appello, tra avvocati e magistrati in occasione dell'astensione dei penalisti milanesi oggi in concomitanza con l'udienza del processo ad Alessia Pifferi.
    Uno sciopero, indetto dalla Camera Penale e a cui ha aderito l'Ordine degli avvocati milanesi, per protestare contro i metodi dell'inchiesta parallela aperta dal pm Francesco De Tommasi a carico dell'avvocatessa Alessia Pontenani, che difende la donna imputata per aver lasciato morire di stenti la figlia Diana, e delle due psicologhe di San Vittore, tutte accusate di falso e favoreggiamento.
    All'incontro sono presenti ad ascoltare anche una decina di pm milanesi, oltre a Leonardo Lesti, presidente Anm Milano, al presidente del Tribunale Fabio Roia, al presidente della Corte d'Appello Giuseppe Ondei e alla presidente della Sorveglianza Giovanna Di Rosa. Invitato ha scelto di non partecipare il procuratore Marcello Viola che, però, come spiegato dalla presidente della Camera Penale Valentina Alberta, "ci ha manifestato per iscritto la volontà di risolvere problematiche concrete e prendiamo sul serio la sua disponibilità a lavorare per scopi comuni".
    Gli avvocati milanesi, in sostanza, ritengono che la nuova inchiesta aperta a processo in corso, con tanto di perquisizioni, abbia violato il diritto di difesa e il principio del giusto processo e sia stata una "ingerenza" da parte del pm nel dibattimento. "La Camere penale ha reagito - ha spiegato l'avvocato Francesco Sbisà - non perché è indagato un difensore, anche se fossero state indagate le sole psicologhe, proprio per l'oggetto dell'accusa, la tempistica e la metodica saremmo comunque intervenuti".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza