Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In cella per violenza sessuale, il test del Dna scagiona il calciatore

In cella per violenza sessuale, il test del Dna scagiona il calciatore

Aveva sempre negato d'aver abusato della giovane. Il gip di Milano lo scarcera su richiesta della difesa

MILANO, 03 marzo 2024, 11:25

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Stanislav Bahirov, 25enne nato in Ucraina ma cittadino romeno, operaio e calciatore dilettante in Serie D nella Vogherese, dopo oltre un mese in cella nel carcere milanese di San Vittore per violenza sessuale, è stato scarcerato. Gli esiti del test del dna, come riportano alcuni quotidiani citando fonti investigative, hanno escluso la compatibilità tra il suo patrimonio genetico e le tracce biologiche rinvenute sulla vittima, una ragazza di 19 anni violentata lo scorso ottobre in un'area cani del quartiere Niguarda di Milano.

Per questo il difensore del calciatore, l'avvocato Daniela Damiano, ha presentato l'istanza di revoca di misura cautelare che è stata accolta dal gip Alberto Carboni, lo stesso che alla fine di gennaio aveva firmato il provvedimento di arresto nell'ambito dell'indagine della Procura e della Squadra Mobile.

Bahirov, quando è stato interrogato, ha ammesso di aver incontrato e parlato con la ragazza la sera delle presunte violenze, ma ha sempre negato di essere andato oltre.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza